Chi siamo

cropped-cropped-cropped-cropped-headerok.png

InScena Giornale intende dare voce e visibilità a tutte le iniziative culturali del territorio: teatro, cinema, musica, danza, letteratura, arte. Seguiremo sempre sia la presentazione che la realizzazione degli eventi, per fornire ai nostri lettori un’informazione completa sia su quanto offre il panorama di spettacolo e intrattenimento che sul “dopo”.  InScena Giornale fornisce inoltre la possibilità di realizzare servizi speciali sulle iniziative, disponendo di un personale canale you-tube e di una pagina della rivista dedicata in esclusiva a questo tipo di servizi.
Il nostro staff è formato da giornalisti specializzati e operatori del settore:

ELISABETTA MARSIGLI – Organizzatrice teatrale per quasi 30 anni, dal 2001 scrive sul Messaggero e continua ad occuparsi dell’organizzazione di eventi. Ha un sacco di amici artisti e attori e spesso le interviste le fa anche senza passare dai canali convenzionali. La passione per il teatro è nata che ancora era una bambina e, ormai, è nel suo DNA. InScena Giornale è la sua creatura: uno spazio dove poter parlare di spettacoli, letteratura e cultura senza la “paura” di subire tagli per mancanza di spazio. Lo spazio sul web c’è e chi ha voglia di “saperne di più” è benvenuto.

LUCA GUERINI – Lavora per il Teatro h24 (prima di aver cominciato a sfornare cortometraggi e spot pubblicitari) da una parte all’altra della quarta parete. La giornata non basta mai: solo gli hobby della cucina e del dipingere riescono a mettere in pausa i ritmi creativi come regista e fondatore di Skenexodia. Con l’ispirazione appuntata, magari, su un tovagliolo cosa c’è di meglio che parlare di spettacolo con amici davanti a qualche prelibatezza?

ANTONELLA FERRARO – Ha preso la penna in mano all’età di sei anni e da allora non l’ha più lasciata. Ha collaborato per più di un ventennio con il Corriere Adriatico ed altre testate occupandosi di cultura e teatro. Avvocato e pianista promettente, è approdata per destino dietro la cattedra di una scuola primaria e si trova lì da ventisette anni, certa che educare le nuove generazioni edifichi realmente un futuro migliore. Ha i cassetti pieni di racconti e raccolte di pensieri sparsi scritti ovunque e comunque e ha realizzato un volumetto sulla scuola, con illustrazioni di pregio di un inaspettato bidello-vignettista. L’incontro con Inscena è stato fatale: di nuovo il desiderio di tradurre su carta ogni manifestazione dell’animo e del pensiero umano. L’incontro con Elisabetta, storica amica e collega, ha fatto il resto….

FRANCESCO BATTISTI – Francesco “Checco” Battisti, immesso sul pianeta Terra il 30 aprile 1965, vive e lavora a Fano. Sin da adolescente si appassiona alla musica alternativa, al punk e alla new wave. La sua vinildipendenza lo porta più volte sul lastrico. Per recuperare suona in diverse band cittadine. Dopo aver realizzato una manciata di cd appende il basso al chiodo e si dedica all’attività di DJ, presso radio locali e discoteche rock. Collabora con il Mucchio Selvaggio e Musicclub…E da pochi mesi anche con InScena Giornale.

BELIZARIUS – E’ l’anima nera del gruppo. Il guastafeste, quello/a a cui non piace nulla e critica fino in fondo tutto, o quasi tutto. Si spera sempre di non incontrarlo/a agli spettacoli o agli eventi, nessuno conosce la sua vera identità e quindi non chiedetecela, lo temiamo pure noi…

GIACOMO TEMEROLI – Last but not least…ecco il video-maker, il mago dell’immagine, colui che crea e ricrea le atmosfere degli eventi e le rende a tutti i nostri lettori. La sua lunga esperienza, riconosciuta anche da “mamma Rai”, lo rende unico e la sua “visuale” riesce sempre a cogliere particolari inediti e inusuali. E’ grazie a lui che InScena Giornale è in grado di realizzare Servizi Speciali davvero…speciali!

FRANCESCA FORTUNI – Pensavate fosse finita? No, manca chi ha realizzato il “sogno” di questa rivista, colei che muove tutto dietro le quinte, la web-maker. Lei è il nostro Mister Wolf …risolve, aggiusta e crea tutto ciò di cui abbiamo bisogno. La sua professionalità viene da lontano, ha un suo studio, ma ha saputo colorare e realizzare questa nostra rivista con il cuore, con la passione e la competenza che la contraddistinguono.