Geppi Cucciari è…perfetta!

Una sana comicità al femminile è di scena al Teatro della Regina di Cattolica, giovedì 7 febbraio alle 21.15: sul palco Geppi Cucciari in Perfetta, scritto e diretto da Mattia Torre, con musiche originali di Paolo Fresu.
Comicità e satira di costume, ma anche e soprattutto un tentativo di consapevolezza e di empowerment femminile di cui sembra esserci un grande bisogno nel nostro tempo.

Geppi è Perfetta.
Geppi è davvero “perfetta” nel raccontare, attraverso la fresca ironia del testo di Torre, un mese di vita di una donna, attraverso le quattro fasi del ciclo femminile, prendendo in esame quattro giorni qualsiasi, quattro martedì. Una donna che conduce una vita regolare, nella quale trovano posto il lavoro, la vita familiare, e i mille impegni e responsabilità che le affollano la vita. Come in una sorta di “Giorno della marmotta” i martedì sono tutti identici: cambiano però gli stati d’animo, le percezioni, le emozioni e gli umori della protagonista, che rispondono a dei cicli che la nostra civiltà lineare non sembra contemplare. Una scenografia minimalista si colora a seconda dello stato d’animo della protagonista ed esalta la presenza di Geppi Cucciari, che offre, come sempre, una straordinaria prova d’attrice.
E non è cosa da poco che questo testo sia stato scritto da un uomo, come più volte ha sottolineato l’attrice: occorre davvero tanta sensibilità e il giusto dosaggio di humour per raccontare quello che spesso è il tabù femminile: i giorni del ciclo. Dopo il successo della serie TV “La linea verticale” e della sua trilogia teatrale (“Migliore”, “456” e “Qui e ora”) Mattia Torre si misura con grande umorismo e profondità con il tema complesso e articolato del ciclo femminile, cercando di trattare con umiltà, ma anche frontalità, un tabù di cui gli uomini sanno pochissimo e di cui persino molte donne non sono così consapevoli.
Il testo gioca con l’immaginario per scandagliare tutti i luoghi comuni e le pressioni a cui siamo sottoposti ogni giorno, mettendo in risalto, anche se senza alcuna difesa di genere, il ruolo femminile, con grande onestà intellettuale. Un crescendo di emozioni legate ad un umorismo cinico e tagliente per una Cucciari inedita che scopre e sottolinea la femminilità contemporanea.

Geppi Cucciari
Geppi Cucciari è una attrice comica, conduttrice televisiva e radiofonica. Dal suo esordio a Zelig, nel 2011 dove si fa subito notare per intelligenza e per quell’accento sardo inconfondibile che sarà anche il suo segno distintivo, ha fatto teatro, cinema e tv, sia come conduttrice (tra tutte “Per un pugno di libri” su Rai3) che come opinionista o interprete (come ad esempio la nota sit com Belli Dentro in onda dal 2005 al 2008 su Italia1). È anche autrice, di libri e testi teatrali, insomma, come spesso viene definita “è una tosta”.
In scena mette d’accordo uomini e donne perché è brava, ironica, intelligente e ha uno stile tutto suo con il quale non ha alcun timore di dire ciò che pensa. La sua grande energia comunicativa è ancora di più ampliata da questo monologo dove riesce letteralmente ad ammaliare il pubblico con la sua verve, senza quasi muoversi o gesticolate per una intera ora e mezza.

Per informazioni contattare il numero 0541/966778 o il numero 0541/966636 attivo negli orari di biglietteria. Inizio spettacoli ore 21.15. Per ulteriori informazioni: www.teatrodellaregina.it    facebook.com/teatrodellaregina.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *