Homo ridens: a Mondavio si ride…o forse no…

Al teatro Apollo di Mondavio, sabato 18 (h 21,30) e domenica 19 gennaio (h 17) la stagione degli Asini Bardasci, ospita i Sotterraneo con “Homo ridens”, all’interno anche del percorso multidisciplinare di TeatrOltre.

Quella de i Sotterraneo, è una performance pensata come esperimento su campione, un test sul pubblico-cavia chiamato a reagire a determinati stimoli che attengono al riso e ai suoi meccanismi. Il progetto rivede e aggiorna i risultati delle proprie ricerche in ogni città e di conseguenza ne prende il nome. L’intento è quello d’indagare l’attitudine umana alla risata, misurandone i limiti e la complessità. Nel riso rinunciamo alla funzione vitale del respiro, nel riso è la parte aggressiva di noi che ci fa digrignare i denti, nel riso è l’intrattenimento del potere ma anche la rivolta popolare. Sappiamo che la coscienza di sé permette all’uomo di vedersi dall’esterno. Sappiamo che la coscienza di sé rende l’uomo consapevole della morte. Ma cosa c’è da ridere?

Ridere è umano, istintivo, ma quando arriva ad essere disumano? Si può ridere davvero di tutto? In questo lavoro, la compagnia mette alla prova il pubblico “con giocose sferzate ai luoghi comuni e con coraggiose cavalcate sugli stereotipi di una comicità crudele, non urtante, ma costruita a tavolino con fredda determinazione e frequentazione dei meccanismi del comico”.  L’intenzione è quella di scardinare e mostrare, con divertita oggettività e irriverenza, come i confini fra i generi, le opinioni, le certezze siano liquidi e come forse ci sia poco da ridere.

A precedere lo spettacolo, come di consueto, lo spazio Spin-off vedrà la partecipazione dell’Accademia di Belle Arti di Urbino con la presenza degli studenti del laboratorio di scenotecnica e il professor Francesco Calcagnini.

Info e prenotazioni: 3388996348 / 3394518693

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *