il Gaber/Luporini day alla Rocca Malatestiana

Prosegue il viaggio nella musica d’autore italiana alla Rocca Malatestiana: dopo il successo delle due giornate dedicate a Guccini e a Dalla, giunge a Fano, questa sera alle 21.15 “Lo stallo”, l’ultimo spettacolo di teatro canzone scritto da Sandro Luporini, che ha firmato tutte le più belle canzoni di Giorgio Gaber, un altro mito indiscusso della canzone italiana.

Per tutti il Signor G, in omaggio ad uno dei suoi primi spettacoli, Gaber è stato il primo a proporre sul palco la formula di teatro-canzone, offrendo canzoni e monologhi che trasportavano lo spettatore in un’atmosfera particolare, fatta di sociale, politica, amore, sofferenza e speranza, il tutto condito da un’ironia intelligente che smuoveva la risata, ma anche le coscienze: «Credo che il pubblico mi riconosca una certa onestà intellettuale. – soleva affermare lo stesso Gaber – Non sono né un filosofo né un politico, ma una persona che si sforza di restituire, sotto forma di spettacolo, le percezioni, gli umori, i segnali che avverte nell’aria».

Dopo quattordici anni di silenzio, Sandro Luporini, all’età di 87 anni, è tornato a scrivere per il teatro regalando ai fans di Gaber la nuova opera di Teatro Canzone “Lo Stallo” che racconta con quell’autoironia e quella profondità che per oltre trent’anni hanno emozionato il pubblico italiano, la società e i rapporti dell’individuo in un momento in cui, come nel gioco degli scacchi, i due Re non riescono più a muoversi. Lo spettacolo, proposto di recente con uno strepitoso successo di pubblico al Gaber Festival di Livorno, alterna momenti monologanti a canzoni di grande evocazione. In scena un magistrale David Riondino, ironico e sottile, sarcasticamente intellettuale che interpreta egregiamente sé stesso, senza prevaricare però il testo di Luporini, indiscutibile re di questo spettacolo, equilibrato e magnetico, sapientemente miscelato tra profondità del pensiero e risate, ironia pungente e parodia dell’uomo. I monologhi sono alternati a tredici canzoni con le vocalità profonde di Chiara Riondino a Fabrizio Coveri insieme al gruppo Khorakhanè con la presenza di Luca Ravagni.

Ma per il Gaber/Luporini Day, il direttore artistico della Rocca, Massimo Puliani (esperto “gaberiano” autore di un libro unico in Italia sul suo teatro dal titolo “Gaberscik”) ha voluto abbinare una serie di eventi: alle 18.30 si parte con la versione figurativa de “Lo Stallo” di Luporini (che è anche un apprezzato pittore) realizzata nel 2004, presentata con una Video intervista di Philippe Daverio e dal presidente della Fondazione ADAC di Modena, Adriano Primo Baldi. Per l’occasione, dedicata alla poetica di Gaber, ci sarà anche una straordinaria Installazione di Fathi Hassan (“Il futuro dell’uomo”, presentata alla Galleria Nazionale Archeologica Palestrina nel 2007) e la mostra di due opere pittoriche di Michele Ambrosini (“Umano” 2018). Le opere saranno commentate con testi gaberiani recitati da Claudio Tombini. Per “Dialoghi nella torre” le testimonianze saranno a cura di Luca Ravagni (musicista di Gaber) e Pierluigi Stefani (produttore).

Biglietti disponibili dalle ore 20 presso la Rocca Malatestiana.

Info: info@fanorocca.it, Facebook e Instagram “Fano Rocca”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *