Jazz day tra Fano e Pesaro

Fano e Pesaro rendono omaggio alla Giornata Internazionale del jazz, promossa dall’Unesco, con un invito all’ascolto che va dalle giovanissime proposte, organizzate con gli istituti di musica del territorio, al concerto finale, al Teatro della Fortuna con Petra Magoni ospite del Marco Pacassoni Group.

Fano Jazz Network, che fin dalle prime edizioni ha aderito a questa manifestazione mondiale, riconoscendosi pienamente nei valori che esprime, sarà protagonista con un programma molto articolato, tra Fano e Pesaro, con la collaborazione dei due assessorati alla cultura e di Scuola Media Gandiglio, Liceo Musicale Marconi Jazz, Fondazione Teatro della Fortuna, Conservatorio “G. Rossini”, L’Associazione Il jazz va a Scuola e L’Associazione I-Jazz.

Questa giornata si svolge in contemporanea in tutto il mondo con iniziative che vanno oltre l’aspetto puramente musicale: associazioni, scuole, artisti, storici, accademici e appassionati, celebrano coralmente la musica che più amano, sottolineando i contenuti interculturali che fin dalle sue origini caratterizzano e animano il jazz. Per questo motivo viene maggiormente previlegiata la presenza di giovani non solo come spettatori, ma anche come esecutori ed interpreti: a partire dalle ore 10.30, di fronte a più di 400 ragazzi, saliranno sul palco del Teatro della Fortuna gruppi strumentali provenienti da altrettante esperienze didattiche, guidati da “Maestri Preparatori”, impegnati nell’interpretazione di brani classici della storia del Jazz. Il concerto dal titolo “Ma cosa è il Jazz” sarà aperto dal Laboratorio Jazz Gandiglio accoglierà il pubblico con un concerto nel loggiato dell’ingresso del teatro diretto da Luca Del Maestro, cui seguiranno (sul palco del teatro): l’Orchestra Gandiglio; la Marconi Jazz Band, diretta da Maria Teresa Tecchi; l’Orchestra Mosaico Musicale,

la più giovane formazione della Provincia, seguita dal direttore Jean Gambini.

Alle 18.30, al Centro Arti Visive Pescheria – Pesaro, è prevista la performance in solo dello straordinario saxofonista e suonatore di launeddas sardo Gavino Murgia. Il canto a Tenore nel ruolo di Bassu, praticato già in adolescenza e lo studio tradizionale delle Launeddas, si sono fusi nel tempo con la musica afroamericana permettendo al musicista di trovare un percorso inedito e originale. Murgia, nella seconda parte del concerto, sarà affiancato dal Trio Rossini composto da allievi del corso di Jazz del Conservatorio G. Rossini di Pesaro, composto da: Alberto Smargiasso, chitarra, Matteo Benedetti, basso, Sandro Smacchia, batteria.

Alle 21.15 si torna al Teatro della Fortuna (unico concerto a pagamento, info: 338 6464241) per concludere questa importante giornata musicale con la nuova avventura artistica del vibrafonista fanese Marco Pacassoni che per l’occasione vede al suo fianco, oltre ai suoi storici collaboratori, la fantastica voce di Petra Magoni. Un tributo all’importanza del vibrafono e della marimba nella musica di Frank Zappa durante il periodo considerato il più ispirato della sua lunga discografia (1967 – 1977) e nel quale spicca la collaborazione con la talentuosa e virtuosa percussionista, Ruth Underwood.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *