Largo al Factotum: Nicola Alaimo

In “aria” di Rof è disponibile, in esclusiva per Pesaro (a Casa Rossini, Tipico.Tips, Farmacia Rossini in via Recanati, e al Pesaro Rossini shop di via Morselli), il cd ‘Largo al Factotum’ che vede protagonista uno degli artisti di riferimento del Rof, Nicola Alaimo, insieme all’Orchestra Rossini e al Coro del Teatro della Fortuna M. Agostini, diretti dal Maestro Mirca Rosciani. Una delle iniziative più interessanti del 150esimo di Rossini, che vedrà il cd, prodotto da Bongiovanni, distribuito da ottobre in tutto il mondo.

Alla presentazione, condotta da Alberto Pancrazi, nel cortile dei Musei Civici, ha partecipato anche Cristina Zedda, moglie di Alberto, più volte ricordato come mentore assoluto di tutti i protagonisti. «Rossini è nel mio cuore: avevo due anni quando lo zio Simone vinse il concorso Callas e si può dire che lo canto da allora. – ha commentato simpaticamente Nicola Alaimo, siciliano, ma cittadino onorario di Pesaro – Ricordo gli inizi della mia carriera, quando lasciai un “posto sicuro” come maestro del coro, per intraprendere la carriera di solista, l’approdo all’Accademia Rossiniana dove trovai in Zedda un grande Maestro. Rossini non è per nulla facile: in lui convivono belcanto, vocalità, fraseggio e sentimento». Ma la versatilità di Alaimo è straordinaria, la capacità di cantare diversi ruoli dell’Opera senza alcuno sforzo: un dono che lui stesso ammette nonostante la grande umiltà che lo caratterizza. Dal brillante Dandini a Don Magnifico e Alidoro, della Cenerentola; baritono brillante nella nota cavatina di Figaro al basso nobile nella “Calunnia” di don Basilio, fino basso buffo nell’aria di don Bartolo, difficilissima, con i sillabati forse più vertiginosi scritti da Rossini, fino a Don Profondo del Viaggio a Reims, altra grande prova tecnica che Alaimo supera a pieni voti grazie anche alla sua simpatia e al grande cuore che mette in ogni suo lavoro. Non è un caso che l’artista abbia dedicato questo suo primo lavoro discografico sia a sua moglie Silvia che alla sua mamma, colei che lo spinse ad osare e intraprendere la sua splendida carriera, convinta del suo grande talento.

Alaimo sarà protagonista del concerto del Rof in programma il 16 agosto a Teatro (h 16) e alle 18 firmerà le copie dei cd a Tipico tips. Michele Spotti dirigerà l’Orchestra Sinfonica G. Rossini ed il Coro del Teatro della Fortuna M. Agostini. Il concerto, ideato con la consulenza di Sergio Ragni, proporrà pagine da Torvaldo e Dorliska, Maometto II, Il viaggio a Reims e Semiramide. Toccherà a Remo Girone introdurre i vari brani leggendo un testo che ne lega il percorso storico e musicale.

Un traguardo importante anche per Mirca Rosciani, al suo debutto come direttore d’orchestra: «9 anni in Accademia con Zedda mi hanno dato tantissimo: soprattutto nell’imparare a saper ascoltare gli altri e, qualche volta, anche a cambiare idea. Anche per me è il primo cd e lo dedico alla mia famiglia». Rivedremo la Rosciani dirigere il suo coro nell’Adina, nella Petite Messe e nel concerto di Alaimo a teatro. Felice anche il presidente dell’Osr Saul Salucci che ha ricordato la magica atmosfera durante la registrazione del cd dal vivo al Teatro della Fortuna e al Rossini lo scorso febbraio, ricordando che la presenza dell’Orchestra Rossini al Rof è ormai una delle più consolidate in questi 10 anni al festival.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *