L’Otello secondo Monteverde

E’ l’acqua la protagonista di questa versione danzata de l’Otello su musiche di Antonin Dvořák, in scena venerdì 21 ottobre al Rossini di Pesaro, primo appuntamento della stagione di Danza, nata su iniziativa del Comune di Pesaro e dell’Amat, che, per il terzo anno consecutivo torna a proporre, fino ad aprile, sei appuntamenti che disegnano una panoramica sulle diverse declinazioni e linguaggi dell’arte coreutica.

Come scriveva il critico e autore Franco Quadri: “L’effetto Shakespeare può essere micidiale per l’interprete proprio grazie all’altezza lontana della sua poesia, capace di tali voli ambivalenti da lasciare al regista che vi si misuri la libertà di un autore”.

L’affascinante testo shakespeariano nella versione di Fabrizio Monteverde, una delle più prestigiose firme della danza contemporanea, che torna in scena nella versione originale della compagnia romana, rivisita il testo shakespeariano lavorando sugli snodi psicologici che determinano la dinamica dell’ambiguo e complesso intreccio tra i protagonisti Otello, Desdemona e Cassio: “In questo triangolo di rapporti, i tre vertici risultano costantemente intercambiabili, grazie sì agli intrighi di Iago, ma ancor più alle varie maschere del “non detto” con cui la ragione combatte il sentimento.” L’acqua è presenza costante grazie all’ambientazione in un moderno porto di mare, contribuendo a chiarire e ampliare l’intuizione di base per cui se Otello è un “diverso”, un outsider, non tanto per il colore della pelle quanto per il suo essere “straniero”, abituato ad “altre regole del gioco”, è anche vero che la banchina di un porto è una sorta di “zona franca”, un limbo in cui si arriva o si attende di partire, un coacervo di diversità.

Il Balletto di Roma, nato nel 1960, è da sempre un punto di riferimento di grande prestigio per tutto il territorio nazionale. A condividere il percorso dell’attuale direzione artistica di Roberto Casarotto, tre coreografi: Fabrizio Monteverde, Alessandro Sciarroni e Paolo Mangiola.

Nel ruolo di Otello Josè Perez.  Le scene sono di Fabrizio Monteverde, i costumi di Santi Rinciari, le luci di Emanuele De Maria.

Informazioni: biglietteria del Teatro Rossini 0721 387621, www.teatridipesaro.it.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *