Ville e Castella: ambiente e vertiginose sfide

L’indagine ambientale e la sfida dei limiti umani sono al centro delle due conferenze in programma giovedì 23 e venerdì 24 giugno per l’appuntamento settimanale con Ville e Castella.

GIOVEDI’ 23: A soli 40 km da Fano, un meraviglioso prato ci attende a Torricella di Fossombrone per ascoltare l’ecologista Norbert Lantschner, colui che si occupa della certificazione energetica e ambientale di edifici e prodotti e ideatore della “CasaClima”, parlerà, alle ore 18,30, della sua esperienza affrontando uno degli argomenti più cari al Festival “La sostenibilità non è un’opzione ma un obiettivo.”
Dopo la cena servita dall’associazione culturale Isola di Fano e, alle ore 21.45 Ville e Castella propone uno dei concerti più affascinanti e curiosi, ma vi sfido a trovarne uno che non stimoli la curiosità di qualcuno, del programma: Marco Belcastro (composizione, voce, organetto, chitarra) ha infatti voluto mettere in musica il “Cantico dei Cantici”, scoprendo che quei sacri versi erano già carichi di bellezza e sensualità, gioia e trascinazione. Insieme a lui, sul palco, ha chiamato straordinari musicisti Simone Mauri (clarinetto basso), Alberto Morelli (armonium, percussioni, voce, kanjira, sonagli, flauto bansuri, duduk, salterio, conchiglia), Franco Parravicini (arrangiamento, chitarre, saz, adungo, basso), Carla Zucchetti (voce, percussioni, tamburo a cornice, vibrafono), che hanno aggiunto le emozioni del vento del deserto, dei giardini d’oriente, delle carovane e delle oasi dove i pavoni cantano al tramonto, offrendo quell’etnico raffinato, melodico e contaminato che è caratteristica principale delle formazioni ospiti del Festival itinerante.

VENERDI’ 24. Ci si sposta nel centro storico di Saltara per una serata dedicata alla sfida dell’uomo ai propri limiti, confrontandosi con la natura estrema. Alle ore 18.30 si terrà la conferenza del canoista esploratore, che si è meritato la qualifica di “manager del rischio” Angelo Vergani (“Giù dal monte assieme all’acqua e ritorno in autostop”) e dello psico-sociologo esperto conoscitore dei movimenti dell’animo umano Gianluca Chiocci (“Perché l’uomo occidentale cerca l’avventura?”).
Dopo la cena servita dalla pro loco di Saltara, alle ore 21.45, altro appuntamento con l’avventura insieme all’alpinista da record Hervé Barmasse, che presenterà i suoi docu – film “Linea continua” e “Non così lontano”. Un modo per condividere lo spettacolo vertiginoso della montagna visto da dentro: la montagna, con gli occhi, le mani e i piedi dell’alpinista che ne respira le pareti gelide, le vette taglienti, le nuvole veloci e gli orizzonti irti di guglie specchianti al sole. Uno spettacolo che miscela l’ardire con l’emozione irrinunciabile di affrontare e fondersi con la natura.

Gli appuntamenti sono ad offerta libera. Per maggiori informazioni: www.villecastella.it; cell. 389.177.1037

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *