Aida…bella da morir…!

“Bella da morir! Aida e il bambino che sognava l’Opera”, è il nuovo spettacolo di Teatro Linguaggi che debutta domenica 6 novembre al Teatro della Fortuna (ore 17) nell’ambito della rassegna itinerante per ragazzi Andar per Fiabe. Ideato e scritto da Sandro Fabiani e Fabrizio Bartolucci, lo spettacolo, consigliato a tutti i bambini dai 6 anni in su, vede in scena Roberta Biagiarelli e lo stesso Sandro Fabiani.

Dopo Mozart, Rossini, Puccini e Monteverdi l’attenzione della compagnia si rivolge ad uno dei più grandi compositori del melodramma italiano: Giuseppe Verdi, attraverso una delle sue opere più conosciute, ma proponendosi, come sempre, in una chiave originale che attraversa il mondo dell’Opera alla maniera ironica e coinvolgente, pregiato “marchio di fabbrica”, di Teatro Linguaggi.
<Era da tempo che cercavamo l’occasione di confrontarci con la drammaturgia musicale di Verdi: – commenta Bartolucci – occasione giunta con la scoperta di materiali autobiografici della sua infanzia. Di lui si dice che avesse l’orchestrazione in testa e ci è piaciuto immaginare come questo suo genio potesse aprire un varco nelle nebbie della val padana e scoprire… l’Egitto.>

E’ stato importante anche il percorso fatto da Fabiani e la Biagiarelli con lo spettacolo “Giuseppe Verdi Agricoltore”: <Nell’allestimento di quello spettacolo abbiamo lavorato nei luoghi dove lui è vissuto e abbiamo avuto la fortuna di conoscere persone come Corrado Mingardi che ci ha fornito tantissime informazioni sull’uomo Verdi: – aggiunge Fabiani – attraverso racconti popolari e memorie. C’erano famiglie i cui bisnonni avevano avuto a che fare con Verdi. Anche la sua tomba, nella casa di riposo dove tutti parlano di lui come se fosse ancora vivo, è uno spettacolo teatrale e si comprende cosa Verdi pensava della morte e di come avrebbe voluto essere immortale.>

Un bizzarro custode condurrà il pubblico in un cimitero “che suona” le melodie verdiane alla scoperta di quel bambino che sognava la musica, suonava l’organo ad orecchio nella chiesa del paese e percorreva chilometri a piedi per andare a lezione di musica e non fu mai ammesso al conservatorio! Il ragazzino timido e scarso di parole che s’affacciava affascinato dalla porta dell’osteria di famiglia per ascoltare un suonatore di violino ambulante. La musica di Verdi e immortale e con ironia e un po’ di poesia il piccolo cimitero si trasforma: si copre di sabbia, si ergono piramidi e prende vita la storia di Radames e di Aida, bella, bella da morir!

Dalle ore 16.00, nel foyer del Teatro della Fortuna, andar per Fiabe accoglierà i bambini con la sua mascotte PUK e tante belle sorprese, tra cui un divertente laboratorio musicale a cura dell’Associazione Armonico Tributo-Isotta Grazzi, le affascinanti Storie…ad alta voce, a cura dei lettori volontari di Nati per leggere e le belle Pigotte di Unicef da adottare.

Info: Teatro della Fortuna 0721.800750

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *