Intense emozioni per Queen’s Simphonies

Meritata standing ovation al Teatro della Fortuna di Fano per Queen’s Simphonies: applausi continui per tutta la durata di uno spettacolo che è riuscito a compenetrare appieno sia il senso della musica del leggendario gruppo, che la sua re-interpretazione attraverso una pregevole sinergia messa in atto dai suoi ideatori: da Claudio Salvi, autore del concept e della regia dello spettacolo, al direttore  Roberto Molinelli, che ha anche firmato tutti gli arrangiamenti dei pezzi dei Queen per coro e orchestra, dal coro del Teatro della Fortuna M. Agostini di Fano, all’incredibile voce del cantante modenese Matteo Macchioni, dalla sentita e vibrante interpretazione di Freddie Mercury da parte dell’attore Giuseppe Esposto alla brillante esecuzione musicale della Rossini Pop Orchestra insieme ai sei componenti della band Zero Crossing, alla lettura dei testi e della storia del gruppo inglese da parte di Fabrizio Bartolucci, corredata dalle immagini salienti degli avvenimenti che hanno accompagnato la storia dei Queen curate da Luca Navacchia.

Coinvolgente e trascinante spettacolo/concerto fin dalle prime note, fin dai primi filmati e fin dall’apparizione di Esposto che evoca la figura del celeberrimo leader vestendo i suoi panni ed interpretando con straordinaria intensità tutte le sue ansie e inquietudini, dagli esordi fino alla tragica fine avvenuta il 24 novembre 1991 a causa delle complicazioni di una polmonite aggravata dall’Aids. Una vita agli eccessi, dissoluta e consumata da un “uomo senza mezze misure, completamente immerso nella musica”: un “mostro” che ha divorato prima di tutto sé stesso, carico di tormenti che mai lo hanno abbandonato.
Ma se da una parte Esposto ne ha disegnato il ritratto umano, Matteo Macchioni ha saputo donare a Mercury una voce anche a volte più potente e straordinaria di quella originale del cantante, toccando estremi vocali con sapiente maestria. Un’interpretazione da brivido, soprattutto nella versione di Barcelona, accompagnato dalla bravissima soprano Francesca Tassinari, brano che mai fu cantato dal vivo, da Mercury e Montserrat Caballé, proprio per la sua estrema difficoltà canora. Oltre a Barcelona altri nove brani sono stati magistralmente eseguiti da Macchioni, ovviamente tra i più famosi e significativi della Band: One Vision, We will Rock You, I want it all, Innuendo, Bohemian Rapsody, Somebody to love, Who wants to live forever e The show must go on, in un crescendo di emozioni che rendevano quasi impossibile rimanere fermi e “composti” nella propria poltrona.

Ascoltando lo splendido concerto viene da considerare come la musica dei Queen  eseguita da un’orchestra è stata in grado di renderne ancora più interessante e apprezzabile l’ascolto, grazie alla presenza di una magnifica Rossini Pop Orchestra guidata dall’eclettico talento di Molinelli.
Decisamente uno dei cross-over più riusciti che non a caso è da 3 anni sold-out in molti teatri e piazze italiane.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *