Joan Thiele: la musica del viaggio

Appuntamento con la musica d’autore per TeatrOltre, venerdì 23 marzo alla Chiesa dell’Annunziata di Pesaro, ore 21, con Joan Thiele, giovane ed intensa cantautrice metà italiana e metà svizzero-colombiana, che proporrà alcuni dei brani del suo nuovo album in uscita ad aprile. Nome esotico, viso latino e misterioso: Joan Thiele, talento emergente, tra i nomi italiani che si sono esibiti sul palco del SXSW ad Austin in Texas lo scorso 13 marzo, ha definito il suo nuovo album, “un mix di musica elettronica e tribale”.

Un mix di luoghi e sonorità, un po’ tribale…ci racconta le origini di questo album?

<E’ nato principalmente in Sudamerica, in Colombia ad Armenia, da un momento di viaggio abbastanza difficile che ho intrapreso un anno e mezzo fa, dove ho iniziato a scrivere una valanga di cose. E’ effettivamente un insieme di sonorità perché cerca di raccontare le anime della Colombia, ma anche dell’Europa, dove ho casa, a Milano. L’album uscirà in aprile e lo anticiperò a Pesaro.>

Una vita passata in giro per il mondo: quali le influenze maggiori nel suo fare musica?

<Il viaggio è una componente fondamentale della mia scrittura: è quella cosa che mi permette di non fermarmi mai elaborare e ascoltare. Si fa sempre più fatica ad ascoltare, ma per me, la bellezza del viaggio è proprio riuscire a farmi viaggiare anche con la mente, osservandomi intorno. E’ un modo per reinterpretare i suoni che vanno metabolizzati e poi riproposti in una versione personale, come per ogni forma d’arte in fondo.>

Stessa cosa per i testi?

<Anche il testo, ovviamente, ha la sua enorme importanza nel raccontare tutto quello che ho vissuto e ho interpretato a modo mio: dalle suggestioni alle esperiente personali. Ma, il mio è un legame molto profondo con la musica principalmente: come se la musica avesse già le sue parole, scritte.>

Come mai la scelta di un nome d’arte?

<In realtà Joan è il mio secondo nome, Alessandra il primo e Thiele, che si pronuncia “tile” è il vero cognome. Mio nonno si chiama Juan e mi faceva piacere ricordarlo, ma c’è anche un’altra ragione: la J rappresenta tutta una tipologia di artisti, che sono tantissimi, che stimo e che ascolto tuttora. Da Joan Baez a Joni Mitchell.>

Una italiana che canta in inglese: non è forse più facile farlo all’estero?

<Sicuramente, ma è proprio questo il punto: in Italia c’è sempre questo blocco a differenza degli altri paesi Europei molto aperti alla lingua inglese. Ma la lingua non deve essere un limite e vorrei che si riuscisse ad andare un po’ oltre. E’ una questione di apertura mentale: siamo nel 2018 e ognuno è libero di scegliere cosa ascoltare e che lingua scegliere per cantare. Poi non è detto che io non scriva qualcosa in italiano, lascio tutto aperto…appunto.>

La sua è una carriera che non è partita da un Talent show: cosa pensa di questi format?

<Dipende dalla persona e dal carattere che si ha. Partire da un Talent è un percorso difficile perché arrivi in un baleno al successo e poi devi mantenerlo nel tempo. Spesso chi è arrivato pensa di essere invincibile, ma non è così. Personalmente farei fatica a gestire il discorso televisivo.>

Cosa occorre per farsi conoscere?

<La musica! Ma se non hai niente da dire è difficile che vai avanti.>

Info: biglietteria Chiesa dell’Annunziata 334 3193717 il giorno di spettacolo dalle 20. Inizio concerto ore 21.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *